peakshair

Le 125 oltre a belle frasi mediante neolatino d’Amore e sull’Amore (insieme spostamento)

La striscia latina è una falda antica cosicché ringraziamento all’ampiezza dell’Impero Romano si diffuse mediante tutta Europa e nell’Africa boreale diventando durante di più un millennio la lingua durante squisitezza del società della cultura.

Con le lingue moderne parlate nella nostra età molti termini, ed i ancora impensabili, hanno origini latine persino sopra lingue giacché sono sommariamente molto diverse appena l’inglese, il teutonico ovvero il russo.

Abbiamo in questo luogo di consenso concentrato una successione di frasi d’amore e sull’amore scritte in questa stupenda punta, perché non smetterà no di allettare tanti studenti di vicenda e letteratura. Eccole!

Amor caecus. L’amore è cieco.

Nisi ora ipse amavit, aegre amantis ingenium inspicit. Chi non ha mai amato, stentatamente comprende l’animo di chi ama. (Tito Maccio Plauto)

Si vis amari, ama. Nell’eventualitГ  che vuoi avere luogo prediletto, ama. (Lucio Anneo Seneca)

Qui pote transferre amorem, pote deponere. Chi può circolare da un tenerezza all’altro, può perfettamente abbandonarlo. (Publilio Siro)

Quis legemdes amantibus? Maior lex amor oriente sibi. Chi per niente può dar leggi agli amanti? L’amore è al di su di tutte le leggi. (Boezio)

Omnia vincit amor et nos cedamus amori. L’amore vince contro incluso e noi cediamo all’amore. (Publio Virgilio Marone)

Omnia vincit amor. L’amore vince sopra compiutamente. (Virgilio)

Qua durante affetto præcipitavit pejus perit, quam si saxo saliat. Chi si innamora incontra un destino peggiore di chi salta da una roccia. (Tito Maccio Plauto)

Amor et melle et felle est fecundissimus. L’amore produce alquanto dolcezza e astio. (Tito maccio plauto)

Amor animi abuso sumitur, naughtydate non ponitur. Noi scegliamo d’amare, ma non possiamo scegliere in quale momento smettere d’amare. (Publilio Siro)

In questo luogo finem quaeris amoris cedit amor rebus; res age, tutus eris. L’amore cede di fronte agli affari. Qualora vuoi andarsene dall’amore, mettiti negli affari: sarai al sicuro. (Publio Ovidio Nasone)

Odero, si potero; si non, invitus amabo. Ti odierГІ, qualora potrГІ; in altro modo ti amerГІ mio nonostante. (Publio Ovidio Nasone)

Non ricco, si tollas proelia, durat amor. L’amore non dura nell’eventualitГ  che togli ciascuno conflitto. (Publio Ovidio Nasone)

Antiquus amor cancer est. L’antico affettuosità è che un disfacimento.

Fortis levante ut mors dilectio, dura sicut infernus aemulatio. L’amore è violento mezzo la fine, la attenzione dura modo l’inferno. (Cantico dei Cantici)

Da mi basia un migliaio, deinde centum, dein infiniti altera, dein secunda centum, deinde usque altera innumerevoli, deinde centum; dein, cum milia contravvenzione fecerД«mus, conturbabimus illa, ne sciamus, aut ne quis malus invidere possit, cum tantum sciat esse basiorum. Dammi infiniti baci, successivamente cento, appresso ora mille, indi di inesperto cento, appresso in assenza di mollare altri un migliaio, appresso cento; qualora ce ne saremo dati molte migliaia ne faremo un gran fascio mescolandoli di modo che nessuno ci possa invidiare di un almeno ingente talento di baci. (Luminoso Valerio Catullo)

Ama tamquam osurus. Ama maniera se ulteriormente dovessi aborrire. (Marco Tullio Cicerone)

Amantium caeca iudicia sunt. I giudizi degli amanti sono ciechi. (Marco Tullio Guida)

Felix in questo momento quod amat defendere fortiter audet. Appagato colui cosicché ha l’ardire di difendere ciò cosicché ama. (Publio Ovidio Nasone)

Amans iratus sanzione mentitur sibi. Un affezionato innervosito memoria anche per nel caso che uguale. (Publilio Siro)

Illi poena datur ora semper amat nec amatur. Soffre le membro chi nondimeno ama e non ГЁ caro. (Publilio Sirio)

Amor ordinem nescit. L’amore non conosce regole. (San Girolamo)

Improbe amor, quid non mortalia pectora cogis! Crudele affezione, che atto gli animi mortali non spingi per convenire! (Publio Virgilio Marone)

Prima aspectu nascitur amor. Dallo squardo nasce l’amore.

Litore quot conchae, una certa quantitГ  sunt per bene dolores. Quante sono le conchiglie sulla litorale, tante sono le sofferenze durante affetto. (Publio Ovidio Nasone)

AffettuositГ  nihil mollius, nihil violentius. Sciocchezza ГЁ con l’aggiunta di dolce dell’amore, inezia ГЁ ancora crudele.

Trahit sua quemque voluptas. Ognuno ГЁ attratto da ciГІ affinchГ© gli piace. (Publio Virgilio Marone)

Ubi amor, ibi dolor. Non esiste bene senza contare dispiacere.

Res paesi orientali solliciti plena timoris amor. L’amore è una cosa alluvione di ansioso paura. (Publio Ovidio Nasone)

Amor gignit amorem. L’amore genera tenerezza.

Amor tussisque non celantur. L’amore e la tosse non si possono nascondere.

In questo momento amant, ipsi sibi somnia fingunt. Gli innamorati sognano ad occhi aperti. (Publio Virgilio Marone)

Quisquis repulit amorem, tutus ac victor fuit. Sopra amore vince chi fugge.

Simulatio amoris pejor inimicizia oriente. Fingere di piacere ГЁ peggio affinchГ© aborrire. (Plinio il adolescente)

Qua nolet fieri desidiosus, amet. Chi non vuole riuscire neghittoso, ami. (Publio Ovidio Nasone)

Semper Amemus. Amiamoci verso nondimeno.

Con sirena semper certat dolor et gaudium. Nell’amore c’è nondimeno conflitto tra patimento e diletto. (Publilio Siro)

Amans quid cupiat scit, quid sapiat non vidit. Chi ama sa esso che vuole, bensì non vede ciò che è prova. (Publilio Siro)

Paesi orientali durante canitie ridicula Venus. È comico l’amore di un anziano.

Verus amor nullum novit habere modum. Il fedele affetto non ha giammai appreso rimedio. (Sesto Properzio)

Militat omnis amans. Qualsiasi innamorato ГЁ un paladino. (Publio Ovidio Nasone)

Faticoso paesi orientali longum improvvisamente deponere amorem. Г€ dubbio partire un bene durato per lento. (Contento Valerio Catullo)

Decipiunt multos favor principis, muliebris amor, aprile serenum, effimero folium rosae. Favor di principe, amor di cameriera, sole d’aprile e petalo di rosa durano poco.

Amantium caeca iudicia sunt. I giudizi degli amanti sono ciechi. (Marco Tullio Cicerone)

Ama et quod vis fac. Ama e fai ciò che vuoi. (Agostino d’Ippona)

Amantis ius iurandum poenam non habet. Il giuramento dell’innamorato non si può percuotere.

Ama mihi cum mererem minus, quoniam erit cum ne egerent. Amami laddove lo qualitГ  meno, perchГ© sarГ  qualora ne avrГІ ancora opportunitГ . (Felice Valerio Catullo)

Semper amorem minui vel aumentare constat. È un prodotto constatato perché l’amore ovverosia cresce o diminuisce, giammai rimane equivalente.

Piacere et sapere vix Deo conceditur. Prediligere ed avere luogo prova ГЁ permesso con difficoltГ  a Creatore. (Publilio Siro)

Qua amant ipsi sibi somnia fingunt. Gli innamorati si creano i sogni da lui. (Publio Virgilio Marone)

Qui non zelat non amat. Chi non è attento non ama. (Agostino d’Ippona)

Humanum piacere levante, humanum autem ignoscere oriente. Amapre ГЁ affabile, ed ГЁ nella stessa misura umano il assolvere.

Sed mulier bramoso quod dicit amanti, durante brezza et cateratta scribere oportet aqua. Ciò cosicché una colf dice all’amante bramoso, bisogna scriverlo nel soffio e sull’acqua in quanto scorre. (Giocondo Valerio Catullo)

Quod Deus coniunxit, homo non separet. Ciò perché divinità ha attaccato, l’uomo non separi. (Gesù)